E poi diventa un albero…

Quando iniziai il percorso era il 2016, scrivevo articoli e giravo qualche video, anche se mi ero appena rotto un dente.

Non avevo una visione chiarissima, sapevo della potenzialità del no gas, distinguevo una pompa di calore economica da una termopompa professionale, avevo una buona base di impianti e…

Non stavo simpatico a tutti, perché ahimè non ero diplomatico, maturavo già un brutto carattere purtroppo.

Feci una scelta che mi tenne fermo un anno, ma come sempre mi rialzai e ripartii subito.

E come un seme in terra, poi arriva il fiore, poi cresce l’albero e poi arrivano i frutti.

Oggi me lo ricordo bene, potrei dire a chiunque inizi un’avventura di mettercela tutta, di focalizzarsi su un obiettivo e di lavorare sodo, senza rialzare la testa almeno per un annetto.

Però oggi mi godo anche le persone che mi vogliono bene, perché il cammino che ho intrapreso mi avvicina sempre di più a quelle.

Mi piace il mio lavoro, me lo sono costruito a modo mio per aiutare chi alza la mano, e con Alberto e Sonia ho iniziato da qualche mese un bel viaggio.

Una ristrutturazione meravigliosa, in una location sempre molto suggestiva come quella di Milano.

Di strada ne abbiamo ancora tanta da fare, ma l’obiettivo è sempre più vicino, e con un gioco di squadra creata ad hoc, ci arriveremo col sorriso.

Lascia un commento

>