Passivhaus

Le faccio a modo mio

In questo post vi riassumevo in poche righe una telefonata di 30 minuti che ho avuto con Francesco Nesi per la casa di 

Willy, oggi mi piacerebbe farlo riassumendo una videocall di egual durata con Roberto Viazzo per la casa di Alessandro.

Due casi simili, si tratta di demolizione con ricostruzione e probabilmente anche due risultati simili per il carico termico e per il risultato che otterranno i due clienti. 2 Passivhaus

Con il primo sono già in attesa delle bozze per poi raffinare il progetto e definire il passaggio delle tubazioni, la scelta delle bocchette e il posizionamento delle macchine.

Con il secondo inizieremo a breve, come da tabella di marcia, ma ringrazio tutti e due i professionisti con la P maiuscola, perché mi hanno fatto ricordare un atteggiamento che ho sempre avuto, ma in questi mesi si era attenuato.

Se vuoi realizzare qualcosa di diverso da un prodotto preconfezionato, prendi foglio e matita, abbozza quello che vuoi fare e poi metti assieme pezzo per pezzo, che non è la prima volta…

E difatti, così sarà, per queste e per le prossime.

Ho la fortuna di esser nato nella culla della refrigerazione, perché il padovano ha questa nomea grazie alla mole di investimenti che negli anni sono ruotati nel settore della refrigerazione e del condizionamento dell’aria.

Sono solo tornato a scuola per il tempo che serviva, rimettendo le mani in pasta come all’inizio, confermando che tutto è possibile se lo desideri veramente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *