Pochi ma buoni, come dico sempre

Se penso a quando ho iniziato a girare i primi video mi scappa da ridere, volevo fare qualcosa di utile ma non avevo le idee molto chiare, mi mancava un dente.

Avevo anche qualche kg in meno di adesso, probabilmente ero meno stressato di questo periodo e mandavo meno a quel paese.

Più di qualcosa, meno di qualcos’altro, non serve misurare, però rispecchia i cambiamenti che si possono fare in qualsiasi percorso o storia che duri nel tempo.

Quello che merita la lente d’ingrandimento sono i progressi e quei piccoli passi che mi portano a migliorare tutti gli aspetti del mio lavoro, che è sempre in divenire.

Quello che mi piace personalmente è che non mi siedo sugli allori, non mi fermo mai a cercare il meglio e non mi fossilizzo sulle idee, credo alla costante evoluzione e mi ritengo uno studente perenne.

Quello che auspico per il mio futuro e per quello di chi mi segue è di raggiungere e toccare la possibilità di vivere senza bollette, sfruttando il sole come produzione di energia, accumulando tutto quello che serve d’estate e poterlo sfruttare d’inverno.

Ormai non manca molto, ci siamo quasi.

Lascia un commento

>