Regole per creare un sistema radiante

Regole per creare un sistema radiante

Tra le regole per creare un sistema radiante efficace ed efficiente in entrambi le stagioni, c’è quella della buona posa in opera.

Vuol dire tutto e niente, ci sono i passi da rispettare, gli anelli da creare e poi bilanciare, però inizia ad avere sempre più importanza anche l’aspetto estetico.

Certo, dopo viene coperto e non si vede più nulla, ma con un radiante come quello in foto, se il lato estetico è appagante e si rispetta il progetto a monte…

Qui un passo misto, ma non quelli fatti per risparmiare tubo e creare problemi alla committenza. Per passo misto abbiamo 10 in tutte le stanze e passo 5 nei bagni dove il capo supremo desidera un paio di gradi in più e non si inserisce lo scaldasalviette.

Però, ci tengo a condividere un semplice concetto.

Se qualcuno vi nomina il passo misto del sistema radiante, alzate le orecchie, perché ho sentito di quelle castronerie da far rabbrividire.

Ho visto scrivere ad una persona che la legge 10 serve a determinare il passo del radiante per ogni singola stanza…

Ho visto progettare un radiante passo 35, e non millimetri, 35 centimetri, e quando abbiamo chiesto il motivo ci hanno risposto perché l’involucro è performante ed è sufficiente per stemperare…

Poi ho capito che quando il vecchio modo di fare si sposa con l’avidità di denaro e l’ignoranza, l’unico rimedio non è di certo la diplomazia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *