C’è sempre la prima volta

Non analizzo stabilimenti produttivi o capannoni, perché sono focalizzato sulle abitazioni e renderle no gas per me è diventata una passione, oltre che a essere il mio lavoro.

Faccio solo ed esclusivamente quello, niente legna e/o pellet, solo termopompe che abbinate in modo sapiente agli impianti riscaldano, raffrescano e producono acqua calda sanitaria.

Nella mia strada trovo sempre qualcuno pronto a dire che non è possibile perché affezionato a vecchi modi di fare o perché convinto che tutte le macchine siano uguali e purtroppo si ritrova ad avere problemi con scelte errate in passato.

È successo, succede e succederà ancora, ma mentre fino a qualche anno fa potevo solo contare sulle mie abilità e su quello che ho imparato strada facendo, oggi ho dalla mia parte più di qualche risultato.

E quello in foto è abbastanza emblematico, perché la casa del committente è senza gas da quasi 8 anni, anche se negli ultimi 2 inverni ha speso il 30% in meno grazie a uno dei miei sistemi, sostituendo un classico errore del passato.

Qui invece, dietro gentile richiesta, ho solo eliminato 5 caldaie da 20 kW cadauna, inserendo una termopompa da 32 kW a servizio di uno stabilimento produttivo.

Abbiamo fancoil, sistemi radianti e una serie di scaldasalviette. Anche qui abbiamo chiuso il contatore del gas e reso il capannone completamente elettrico al 100%.

Risultato?

Spesa dimezzata e soddisfazione raddoppiata, lascio agli altri continuare con la solita affermazione che le pompe di calore non funzionano, perché qui le facciamo girare come si deve.

pompe di calore

Lascia un commento

>