Tratto da una storia vera

Tratto da una storia vera…

Telefonata delle 8.25 di mattina, mi chiama Francesco Nesi: Dai che a breve iniziamo un cantiere assieme, si tratta della casa di Willy Falanga.

Io: Guarda, ti ho mandato a quel paese un paio di volte prima ancora di iniziare perché spacchi la virgola e non solo, ma sono felice 3 volte perché non mi piaceva niente di niente, e ci ho messo del mio.

Francesco: E che ca@@o hai combinato?

Io: Semplice, per accontentare il capo di Willy (che ci mena tutti e tre se non facciamo un gioiellino) ho pensato a costruire l’impianto pezzo per pezzo, uscendo da tutti gli schemi.

Francesco: Figo, mi raccomando che poi dobbiamo bilanciare i flussi d’aria e dobbiamo certificarla Passivhaus.

Io: Si capo, ma ne ho combinata una delle mie. Gli faccio mettere sotto al magrone 600 metri di polietilene e con un circolatore da 20 watt alimento solo la batteria di pre gestendola con un’elettronica semplice semplice, per sfruttare la terra.

Francesco: Si, una sorta di pretemperamento insomma.

Io: Esatto, solo che non mi ricordo il termine tecnico inglese con cui viene chiamata, la usano spesso nei grossi centri e nei magazzini di dimensioni importanti.

Francesco: Si chiama Betonkerntemperierung.

Io: Frà, scrivimelo via WhatsApp va, che manco capisco come si pronuncia, meglio se lo scrivo in italiano.

Il resto ve lo dico domani…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *