Una consulenza interessante, fuori dagli schemi

Una consulenza interessante, fuori dagli schemi

Partiamo dal contesto, siamo sopra una collina nei colli vicentini e attorno c’è un’ampia area verde che regala una vista panoramica di tutto rispetto, dietro alla villa c’è anche una piscina fuori terra che nei mesi estivi darà tutto il suo fascino.

L’abitazione è divisa in 5 macro aree, la casa del custode, l’abitazione principale, 4 camere per gli ospiti, un’area per le feste con due caminetti, una SPA interrata, oltre alla cantina che mostravo ieri.

L’abitazione volge al termine della sua costruzione, che ha richiesto tra permessi e reperimento di materiali, quasi un decennio, decisamente è un progetto arduo che ha messo alla prova molte persone coinvolte.

Ora tocca alla parte di centrale termica e la palla è arrivata a me, che devo fondere un sistema completamente elettrico a un sistema che può essere alimentato a legna, vista la produzione comprensibile di materiale derivante dalla manutenzione dell’area circostante.

È stato difficile anche per me e i ragazzi che mi aiutano a digerire la richiesta, ma in fin dei conti si tratta di utilizzare risorse presenti e disponibili, e pensare il sistema prima di progettarlo, è davvero complesso.

Però sono felice di avere un’opportunità simile, perché mi porta a ragionamenti fuori dagli schemi e mi mantiene allenato e concentrato con il mio modo di fare, e quindi avanti tutta.

Alla fine credo che brinderemo con qualche bottiglia di bollicine pregiata, ma per ora mi limito ad ultimare i ragionamenti su riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria, che in questo contesto, non hanno nulla a che fare con una progettazione standard.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *